benvenuti..

 



Sono di origine tedesca e vivo da trent’anni ad Assisi. I primi due asini sardi, una coppia, li comprai nel 1982. Da allora ho cercato in giro altri soggetti per aumentare il gruppo e mantenere questa razza ormai rara.

Attualmente il mio allevamento fra fattrici, puledri e stalloni consiste in circa trenta animali che sono iscritti nel Registro Anagrafico delle Popolazioni Equine dell’Associazione Italiana Allevatori (AIA) di Roma.

 

arrow PERCHÈ L'ASINO?

    Di indole curiosa e affettuosa è un animale adatto ai bambini per la sua lentezza e tranquillità. Viene usato per la pet-therapy, la terapia con gli animali per la sua docilità e pazienza con gli esseri umani. Viene richiesto anche da persone che una volta in famiglia possedevano un asino e da bambini hanno avuto contatti o esperienze piacevoli.

 

arrow DI CHE COSA HA BISOGNO L'ASINO?

    Più grande è lo spazio a loro disposizione meglio è. Acqua fresca, pascolo e una capannetta un po’ buia, perché durante l’estate ama rifugiarsi all’ombra dove le mosche non gli possono dare fastidio. Se durante l’estate o d’inverno il pascolo non è sufficiente, ha bisogno di fieno di primo taglio, non erba medica, troppo nutriente per la sua alimentazione. Importante è anche il controllo degli zoccoli che non devono crescere troppo lunghi.
L’asino non dovrebbe stare da solo, è meglio tenere una coppia o due femmine o anche dei maschi castrati se non si vuole fare allevamento.